ECONOMIA: ohi, ohi, la Cina frena!!

Pubblicato da Marzio Ammendola il

Fonte: South China Morning Post   – traduzione: againstchina.com
– A giugno sono diminuite sia le esportazioni che le importazioni cinesi, per effetto dei dazi della guerra commerciale con gli degli Stati Uniti che hanno messo in crisi l’economia cinese. Le esportazioni sono diminuite dell’1,3 per cento su base annua dopo che le tariffe di 200 miliardi di dollari di merci cinesi sono state aumentate dal 10 al 25 per cento da Washington lo scorso maggio.
– Le esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti sono diminuite dell’8,1% a 199,4 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono diminuite del 29,9% a 58,9 miliardi di dollari.

Le esportazioni cinesi sono diminuite a giugno, con l’entrata in vigore degli aumenti tariffari dagli Stati Uniti, mentre le importazioni hanno continuato a indebolirsi a causa della diminuzione della domanda interna. A giugno, le esportazioni sono diminuite dell’1,3% su base annua a 212,8 miliardi di dollari USA, dopo che le tariffe per 200 miliardi di dollari di merci cinesi sono state aumentate dal 10 al 25% da Washington a maggio. Questo era in calo dall’1,1 per cento in maggio. Le importazioni, nel frattempo, hanno continuato a crollare, scendendo del 7,3 per cento a giugno a 161,8 miliardi di dollari, secondo i dati pubblicati dalla General Administration of Customs in Cina venerdì. Ciò ha seguito un calo dell’8,5% a maggio. Le esportazioni sono state leggermente migliori degli economisti interpellati da Bloomberg, che aveva previsto un calo dell’1,7 per cento, mentre le importazioni erano inferiori, con il sondaggio che prevedeva un calo del 4,6 per cento.

Il surplus commerciale complessivo della Cina è stato di 50,98 miliardi di dollari USA a giugno, rispetto a 41,65 miliardi di dollari. Questo era in anticipo rispetto al sondaggio mediano di Bloomberg, che aveva previsto un saldo di 45 miliardi di dollari USA. I dati commerciali deboli indicano una pressione considerevole sulla seconda economia più grande del mondo, poiché si batte per contenere gli effetti della guerra commerciale con gli Stati Uniti, che è in corso da oltre un anno.

Pechino sta lottando per mantenere il suo slancio di crescita, mentre i negoziati commerciali riprenderanno questa settimana dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incontrato l’omologo cinese Xi Jinping al vertice del G20 a Osaka alla fine di giugno. Mentre l’aumento delle tariffe è stato implementato a maggio, c’era un margine di manovra per gli importatori statunitensi che potevano dimostrare che i loro beni erano stati acquistati prima del 10 maggio. Tuttavia, il termine limite per gli ordini di acquisto per evitare tariffe più alte era il 1 ° giugno, il che significa che tutti le merci che hanno lasciato i porti cinesi durante lo scorso mese sono state soggette a un dazio più elevato.

Nel frattempo, per le importazioni questo era il quinto mese su sei del 2019 che erano diminuite, il che solleva serie preoccupazioni per i consumi interni in Cina, in un momento in cui i prezzi stanno aumentando a causa di un’epidemia di peste suina africana che sta minacciando di abbattere 200 milioni di maiali degli allevamenti cinesi. Durante la prima metà del 2019, le esportazioni cinesi sono cresciute dello 0,1 per cento, ben lontano dal 12,8 per cento nello stesso periodo dell’anno scorso, secondo i dati ufficiali. Le importazioni sono diminuite del 4,3% da gennaio a giugno, rispetto alla crescita del 19,9% dello scorso anno. Sempre nel primo semestre dell’anno, le esportazioni cinesi negli Stati Uniti sono diminuite dell’8,1% a 199,4 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono crollate del 29,9% a 58,9 miliardi di dollari. Solo a giugno, secondo i calcoli del South China Morning Post, le esportazioni cinesi negli Stati Uniti sono diminuite del 7,8% a 39 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono diminuite del 31,4% a 9 miliardi di dollari. La scarsa performance commerciale della Cina a giugno era stata anticipata da una serie di indicatori, che combinati descrivono un quadro molto tetro….

 

China’s exports and imports both fell in June, as higher US trade war tariffs blitzed Chinese economy

  • Exports fell by 1.3 per cent year-on-year after tariffs on US$200 billion of Chinese goods were raised from 10 per cent to 25 per cent by Washington in May
  • Over the first half of the year, China’s exports to the US fell by 8.1 per cent to US$199.4 billion, while imports dropped by 29.9 per cent to US$58.9 billion

READ MORE:

https://www.scmp.com/economy/china-economy/article/3018337/chinas-exports-and-imports-both-fell-june-higher-us-trade-war