Venezuela ostaggio di Cina e Russia. L’incredibile posizione italiana spiegata bene da Forchielli [VIDEO]

Pubblicato da Marzio Ammendola il

Il Venezuela e la sua sfortunata popolazione è ostaggio del “nuovo asse del totalitarismo mondiale russo-cinese” che vuole che Maduro mantenga il potere. E l’Italia è sempre piu’ allineata alle posizioni cinesi, avendo recentemente intrapreso relazioni sempre piu’ strette con Pechino.

L’erede di Chavez è riuscito a ridurre alla fame una nazione straricca di petrolio, ha costretto alla fuga tre milioni di suoi concittadini (non stupisce che con lui solidarizzi Assad…), ha scatenato un`iperinflazione che galoppa al ritmo dei “dieci milioni per cento” (mai vista nella storia). Nelle manifestazioni di protesta contro di lui 300 sono stati uccisi dalla polizia, 13.000 sono stati arrestati. Ha stravolto la Costituzione, ha esautorato il Parlamento, ha riempito le carceri di oppositori, inclusi rappresentanti eletti dal popolo. L’unica ragione per cui Maduro sta in piedi? Ha regalato l’economia del Venezuela a un trio composto da esercito, Russia e Cina (Azione 4.2.2019 Federico Rampini).

Il ministro Danilo Toninelli

Nel Video Alberto Forchielli spiega, partendo dal caso venezuelano, in modo drammaticamente chiaro la pericolosa deriva che sta prendendo l’Italia, sempre piu’ isolata dagli storici alleati democratici occidentali e sempre piu’ attratta nella sfera di influenza cinese. E’ importante averne piena consapevolezza perchè stiamo parlando del nostro futuro. Non si puo’ e non si deve essere amici della dittatura cinese. E’ una scelta sbagliata e perdente dal punto di vista tattico, strategico, economico e politico. E` un tremendo errore dal punto di vista morale ed etico. 

VIDEO: