Venezuela: la Cina vuole Maduro

Pubblicato da Marzio Ammendola il

Nei mesi scorsi avevamo già affrontato la questione riguardante i rapporti di sempre maggiore dipendenza del Venezuela verso la Cina, particolarmente attratta dalle immense risorse naturali di cui il paese sudamericano è ricco.

La difficile e traballante situazione di Maduro sta ora allarmando Pechino che vuole il mantenimento dello status quo, oppure l’individuazione di un nuovo dittatore che confermi l’attuale situazione geopolitica gradita a Xi Jinping.

Un Venezuela sull’orlo del fallimento scivola nelle mani cinesi

La caduta di Maduro in Venezuela? Per la Russia di Putin e la Cina di Xi Jinping è “pericolosa” per un questione di Geopolitica 

Fonte: www.affaritaliani.it    di Vincenzo Caccioppoli

Ma perchè Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping difendono con tanta veemenza il regime dittatoriale di Maduro, contro tutto e tutti? Sicuramente c’è una questione di geopolitica, volendo porre un freno al dilagare della destra nel continente sudamericano, che rischia di ricadere pesantemente sotto l’influenza degli Stati Uniti.

Dal 2005 a oggi,infatti, la Cina ha fornito ai paesi dell’America Latina prestiti per 150 miliardi di dollari e ha consolidato i rapporti politici ed economici anche con Brasile, Argentina, Cile, Cuba, Ecuador, Bolivia. Pechino ha inoltre esteso al subcontinente i progetti infrastrutturali delle nuove vie della seta, iniziativa a guida cinese che originariamente riguardava solo l’Eurasia. Uruguay, Panama, Costa Rica e Trinidad e Tobago hanno già preso accordi con la Repubblica Popolare per diventare snodi della rotta marittima e il Venezuela ha espresso più volte la volontà di partecipare all’iniziativa.

LEGGI TUTTO:

http://www.affaritaliani.it/politica/geopolitica/venezuela-ecco-perche-cina-russia-non-vogliono-la-caduta-di-maduro-585236.html